Comunicati e Avvenimenti

login



Benvenuto in Confindustria Cultura Italia
Le industrie culturali: priorità per la nuova legislatura PDF Stampa E-mail

 

Valorizzazione del comparto, stabilizzazione delle norme e leggi di sistema per ogni settore, sostegno al consumo culturale, lotta alla pirateria e tutela del diritto d’autore


Roma, 14 settembre 2022 - Sono quattro le priorità per l’industria dei contenuti culturali in Italia che Confindustria Cultura Italia, la Federazione Italiana dell’industria culturale, pone all’attenzione dei partiti per la prossima legislatura.

Il mondo della cultura, inteso come produzione di libri, film e contenuti audiovisivi, musica e servizi ai musei e mostre, genera un valore aggiunto di quasi 16 miliardi di euro con più di 200mila occupati: “La sua capacità  di generare ricchezza e posti lavoro, ma anche innovazione, per l’economia, il suo impatto sociale nella vita degli italiani e di immagine dell’Italia all’estero, le attribuisce un ruolo importante per lo sviluppo e la crescita del Paese- sottolinea Innocenzo Cipolletta,  presidente di Confindustria Cultura Italia -. Occorre prendere sempre più consapevolezza di ciò, investendolo e valorizzandolo con specifiche politiche industriali che dovrebbero essere al centro delle agende e dei programmi politici”.

“Gli ultimi due anni di politiche per le industrie culturali – prosegue Cipolletta - sono stati inevitabilmente votati ad affrontare le conseguenze della pandemia sul settore. Il grande sforzo delle istituzioni ha portato alla messa in atto di una serie di strumenti di intervento volti a contrastare soprattutto l’emergenza e con un approccio frammentato. In parallelo però è maturata la consapevolezza di avere una visione organica e di sistema, dell’esigenza di realizzare riforme strutturali che colgano l’occasione della crisi per stabilizzare, integrare e innovare il quadro ordinamentale del settore, così che le aziende possano definire piani di investimento sicuri e a medio-lungo termine. Ma, come per altri ambiti industriali, quello della cultura ha al suo interno molti comparti diversificati, che meritano un’attenzione specifica. Ecco allora che sarebbe opportuno varare leggi di settore per tutte le singole aree della cultura, così come è stato già fatto in alcuni casi. Libri, musica e servizi museali sono comparti che meriterebbero di avere una legislazione capace di promuovere la loro crescita”.

“La cultura – evidenzia Cipolletta - è anche un bene essenziale per la società con la sua valenza educativa, formativa e ricreativa. La sua circolazione e fruizione va pertanto stimolata e agevolata attraverso politiche di sostegno al consumo culturale, ad esempio dando continuità a misure come la 18APP, estendere la carta docenti anche all’acquisto di prodotti musicali e audiovisivi nella loro versione fisica e digitale e sviluppare altri strumenti simili di sostegno per altre categorie più deboli, prevedere l’introduzione di un regime di detraibilità delle spese culturali e infine promuovere un regime IVA agevolato per tutti i prodotti culturali”

“Infine– conclude Cipolletta -, bisogna ricordare che l’industria dei contenuti culturali si basa sul diritto d’autore che rappresenta il presupposto essenziale per la remunerazione di quanti operano in questo comparto industriale, così come i brevetti tutelano la creatività nel campo industriale e pertanto va difeso e valorizzato. La pirateria rappresenta ancora una grande minaccia per il comparto per cui sono necessarie misure efficaci di contrasto per salvaguardare il futuro degli operatori di oggi e di domani. Quello che stiamo chiedendo è un’attenzione al mondo della cultura in virtù del ruolo che questa svolge per la crescita economia e sociale del Paese, queste proposte non sono solo per il comparto ma anche per il futuro delle nuove generazioni e, in generale, del nostro Paese”.

 
PDF Stampa

 

 

Confindustria Cultura Italia


è il nuovo nome della Federazione Italiana dell’Industria Culturale, costituita alla fine del 2006 come Sistema Cultura Italia.

Riunisce le Associazioni delle imprese editoriali, discografiche, dei servizi per la valorizzazione del patrimonio culturale, del cinema, del digitale, dell’intrattenimento audiovisivo, dell'editoria audiovisiva su media digitali e online, nonché le imprese distributrici di tali beni e servizi che già facevano parte del sistema Confindustria per un valore aggiunto di quasi 35 miliardi di euro (il 2,2% del prodotto interno lordo italiano) e 690 mila posti di lavoro (il 2,7% del totale nazionale).

Tra gli obiettivi della nuova Federazione vi è la tutela dei diritti e degli interessi collettivi degli associati sul piano nazionale, comunitario ed internazionale; la promozione della salvaguardia del diritto d’autore e la proprietà intellettuale in ogni sua forma; la lotta alla pirateria audiovisiva, discografica, editoriale e multimediale in ogni sua forma, modalità di espressione e manifestazione.

 

 

AICC
(servizi per la valorizzazione del patrimonio culturale)

AFI
(fonografici)

AIE
(editori di libri, riviste scientifiche e contenuti digitali)

ANICA

(produttori, editori e distributori cinematografici, industrie tecniche, editori e creators digitali, editori media audiovisivi, esportatori internazionali)

APA
(produttori audiovisivi)

FIMI
(discografici)

PMI
(produttori musicali indipendenti)

UNIVIDEO
(editoria audiovisiva su media digitali e online)

 


 

 

 

 

 

La tua guida sicura ed affidabile per la scoperta dell'offerta digitale in rete.

Il Portale comprende un'ampia gamma di siti che coprono tutte le tipologie di prodotto e di fruizione, tutti provati e garantiti: basta cliccare sull'icona relativa al servizio che ti interessa.


Mappa dei Contenuti è su Agorateka, il portale paneuropeo dei contenuti digitali ideato per incentivare l'utilizzo legale di film,e-book, musica, videogames e programmi tv, realizzato dall’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO) attraverso l’Osservatorio europeo sulle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale.